PM10 BEN OLTRE IL VALORE LIMITE: QUANTO CI FA MALE IL CLIMA DI QUESTI GIORNI?

PREMESSA: l’inverno quest’anno è stato asciutto qui nell’angolo occidentale della Pianura Padana, le occasioni per piogge e nevicate sono state poche. Lunghi periodi miti ed anticiclonici si sono alternati a brevi fasi più umide e fresche come è avvenuto tra la 3° decade di gennaio e la 1° di febbraio. Si è trattato di un momento di due settimane in cui si è concentrato il “vero inverno”: la neve caduta a più riprese (seppur in maniera non abbondante) e le forti gelate hanno permesso al manto nevoso di mantenersi per 17 giorni ad Asti come non accadeva dal 2012.

Ora da alcuni giorni è tornato stabile l’anticiclone sul Mediterraneo Occidentale e molto probabilmente ci terrà compagnia fino a fine mese. Queste condizioni apparentemente gradevoli (giornate soleggiate e clima mite nel pomeriggio) favoriscono le inversioni termiche con il ristagno della aria più fresca nei bassi strati dove la circolazione non è favorita per via di venti deboli o assenti: in questo modo si creano i presupposti per l’accumulo di inquinanti. L’immagine satellitare seguente (datata 16 febbraio 2019) mostra dallo spazio sopra al catino padano un’atmosfera caliginosa che denota un’aria molto inquinata: è particolare la forma arricciata che la caligine assume sul Mar Ligure una volta che ha trovato sfogo attraverso i valichi appenninici del Colle di Cadibona e del Passo del Turchino.

Il PM10 definisce l’abbondanza di particolato (inquinante) nell’aria che respiriamo: il valore limite stabilito dal d.lgs 155/2010 per la media giornaliera è di 50 µg/m³ ed il numero massimo di giorni di superamento consentito per anno civile è di 35 giorni. Ad Alessandria da inizio anno tale valore è stato superato già 30 volte (il picco si è raggiunto il 16 febbraio con un valore medio giornaliero di 103 µg/m³) e a Torino ben 45 giorni su 50 hanno misurato un valore oltre ai 50 µg/m³ (picco 136 µg/m³ il 7 febbraio). 

Di seguito due immagini con la stima del PM10 elaborata da ARPA in Piemonte il 16 ed il 17 febbraio: tutte le zone di pianura risultano oltre la soglia limite dei 50 µg/m³. Per ridurre gli inquinanti basterebbero piogge, nevicate o una ventilazione un po’ sostenuta: è quello che è avvenuto sull’Alessandrino e parte dell’Astigiano il 17 febbraio, quanto deboli venti di marino soffiavano dall’Appennino disperdendo temporaneamente gli inquinanti ed abbassando il livello di PM10.

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti