Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Proprio in queste ore nuove forti nevicate stanno interessando la valle d’Aosta e i settori di confine, dove a 2000 m ormai siamo prossimi a 3 metri di accumulo: su tali aree era da parecchi anni che mancavano nevicate di tale intensità e in grado di depositare tali accumuli al suolo. Si tratta di un evento eccezionale, che darà sicuramente una boccata di ossigeno ai ghiacciai, duramente colpiti dall’estate scorsa. Le nevicate in montagna continueranno sino a domani sera, con quota neve intorno ai 1700-1800 m, a fine evento probabilmente la neve fresca sarà intorno ai 150 cm, con accumuli notevoli! 

Per quanto riguarda la prossima settimana, è in arrivo come già ampiamente descritto una finestra di bel tempo, grazie allo spostamento verso est dell’anticiciclone delle Azzorre:
Schermata 2018-01-21 alle 21.23.06

Si tratterà di un periodo di bel tempo comunque temporaneo, che durerà indicativamente fino a giovedì 25 gennaio prossimo; da segnalare che in montagna lo zero termico si porterà fin verso i 2500/3000 ma a seconda delle zona, andando ad esasperare il già alto pericolo valanghe, attualmente aumentato a 5/5 in Valle d’Aosta. Vi invitiamo dunque a prestare particolarmente attenzione, perchè con il rialzo termico le valanghe si potrebbero innescare spontaneamente!

Come sottolineato però si potrebbe trattare di una fase temporanea, questa è la novità di questa sera, perchè sino a due giorni fa il periodo di alta pressione sembrava protrarsi molto più a lungo. In realtà il modello inglese ECMWF ha riportato in auge un nuovo peggioramento, potrà colpire il nord-ovest con correnti meridionali a partire da venerdì prossimo, con nuove abbondanti nevicate sui monti. Vi invitiamo a non trascurare questa ipotesi, anche se è doveroso precisare che la visione del collega americano GFS è ancora eccessivamente diversa per poter trarre conclusioni. Nell’aggiornamento di mercoledì prossimo potremo capire finalmente lo scenario definitivo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti