Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Mancano ormai poche ore all’inizio del primo peggioramento autunnale del 2020: per le nostre zone purtroppo le precipitazioni saranno modeste e discontinue, a causa della parziale ombra pluviometrica creata dall’ingresso troppo orientale della perturbazione (vedi animazione seguente) e dei conseguenti venti di libeccio che si attiveranno:

Per questo motivo i fenomeni saranno limitati al pomeriggio-sera di domani, giovedì 24 settembre 2020 (per le previsioni clicca QUI) con qualche temporale e rovescio in sconfinamento da ovest e alle ore centrali di venerdì, specie sui settori orientali; nel complesso non sarà un passaggio piovoso uniforme e alcune zone potrebbero rimanere totalmente all’asciutto.

Tra venerdì e sabato attese copiose nevicate sulle Alpi, con accumuli anche prossimi al metro a 3000 m in Valle d’Aosta occidentale e settentrionale, per il classico fenomeno dello sfondamento: questo favorirà l’attivazione di venti di foehn in discesa verso la pianura e condizioni nuovamente soleggiate e secche, mentre dal punto di vista termico ci attende un brusco calo delle temperature. Tra domenica e lunedì minime in pianura e nelle valli tardo autunnali, con valori anche inferiori ai +5°C, localmente non è escluso che si possa scendere fino a 2/3°C! Massime anch’esse in calo, con valori fino a 18/20°C in pianura e valori sotto media per la prima volte dopo mesi di continuo sopra media!

La nuova settimana si aprirà probabilmente all’insegna di condizioni stabili ma fresche per il periodo, in attesa di nuovi impulsi perturbati nella seconda metà.

 

CONOSCIAMOCI MEGLIO! Abbiamo creato un breve questionario da compilare per conoscerci meglio e capire come vi rapportate con la meteorologia:

    • 1-2 minuti di tempo al massimo per rispondere
    • completamente anonimo
    • non è richiesto inserimento di dati personali per partecipare

Per noi è molto importante e se parteciperete ci darete un grande aiuto! Grazie a tutti! 

Per rispondere al questionario CLICCA QUI.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti