Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

L’autunno possiamo dire che fino ad ora non si è visto, le temperature estremamente miti di questo ottobre 2018 sono paragonabili a quelle che ci si dovrebbe aspettare durante il mese di settembre, con minime intorno ai +10°C e massime comprese fra 20 e 25 gradi. Nei prossimi giorni la stessa alta pressione che ci accompagna da un mese a questa parte continuerà a palesarsi sul nord-ovest italiano, facendo registrare temperature massime ancora più alte, ma andiamo con ordine.

In queste ore (serata di domenica 21 ottobre) avete tutti notato un insolito aumento della ventilazione orientale, essa ci indica l’entrata di una massa d’aria fresca da est, che favorirà il calo delle temperature sino a valori più consoni per il periodo durante la giornata di domani, anche grazie alla presenza di correnti settentrionali che elimineranno l’umidità. A livello Europeo tuttavia l’alta pressione tenderà a scivolare verso sud nel corso dei prossimi giorni, verso l’Africa, ma passaggio obbligato sarà proprio il nord-Italia, a metà settimana grosso modo:
Schermata 2018-10-21 alle 22.53.28

Nella carta soprastante abbiamo voluto indicarvi la previsione per la giornata di mercoledì prossimo, quando proprio la posizione dell’alta pressione renderà possibile l’entrata del fohen su tutto il nord-ovest; si creerà infatti una differenza di pressione tra i due versanti delle Alpi che consentirà l’attivazione di caldi venti di caduta, come meglio indicato nella seguente carta, il cui zoom riporta il nord Italia:
Schermata 2018-10-21 alle 22.46.29In tale occasione si registreranno temperature massime decisamente inusuali per il mese di ottobre, i valori raggiungeranno diffusamente i +25°C in pianura sul Piemonte, ma con buona probabilità saranno anche oltrepassati, con massime intorno a 27-28 gradi, valori oltre la media di circa 10-12 gradi! Da giovedì l’alta pressione tenderà a ritirarsi verso sud, con massime in graduale calo ma comunque oltre la media. 

Per quanto riguarda i giorni successivi, ovvero a partire dal prossimo week-end, i modelli mostrano importanti manovre bariche con un possibile peggioramento del tempo (che potrebbe essere anche intenso), grazie ad un affondo di aria atlantica che attiverebbe una netta risalita di correnti umide verso il nord-Italia. Si tratta di una delle tante possibilità, l’aggiornamento a medio termine di mercoledì prossimo sarà fondamentale per comprendere cosa effettivamente ci attenderà nei prossimi giorni, quindi continuate a seguirci!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti