Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

In questi giorni blande correnti da est hanno raggiunto il nord Italia, regalandoci dal punto di vista termico un profilo perfettamente aderente alla norma del periodo! Non capita spesso di registrare temperature in media, più sovente i valori sono stabilmente oltre la norma del periodo, proprio come accadeva una settimana fa quando si raggiungevano 28/29°C diffusi con minime notturne già elevate.

Nonostante il robusto anticiclone collocato ad ovest delle Alpi, flussi più freschi da est consentono alle temperature di non risalire eccessivamente, regalandoci giornate piacevoli con massime intorno ai 24/25°C e minime fino a 9/11°C in pianura, proprio come dovrebbe accedere a fine maggio! Nei prossimi giorni continuerà questa tendenza, i flussi freschi raggiungeranno il loro culmine domenica prossima, quando a 850 hPa (=1500 m) avremo valori intorno ai 5/7°C, anche leggermente sotto media (in quota, non al suolo).

Il tutto sarà anche accompagnato da una blanda instabilità, con qualche rovescio e temporale sparso soprattutto sulle Alpi, mentre in pianura i fenomeni saranno meno diffusi (invitiamo a consultare le previsioni che pubblicheremo quotidianamente per tutti i dettagli). Con l’inizio della nuova settimana i valori tenderanno a risalire leggermente, grazie ad un rinforzo dell’alta pressione africana che verso metà della prossima settimana potrebbe dare vita ad una nuova fiammata calda al sud Italia. Per quanto riguarda il nord invece, la situazione appare ancora poco chiara: le temperature risaliranno sì leggermente, ma permangono molti dubbi riguardo alla possibilità di rovesci e temporali o anche passaggi piovosi più diffusi, grazie a correnti atlantiche in arrivo da ovest. 

Per questa sera ci fermiamo qui, l’elevata distanza temporale non consente di esporre una tendenza che possa avere una certa validità, vi invitiamo perciò a seguire il prossimo aggiornamento previsto domenica 31 maggio! Siamo in bilico fra la prima rimonta calda dell’estate o un periodo ancora instabile e più fruibile!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti