Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

I modelli sono chiari, dopo le varie pause temporalesche sembra tornare un nuovo periodo più duraturo di alta pressione; le temperature tenderanno ad aumentare gradualmente, con massime che si stabiliranno qualche grado oltre i 30 gradi. E’ doveroso però segnalare cosa accadrà fra domani (13/07) e venerdì (14/07): aria più fresca scorrerà velocemente in quota, riattivando l’instabilità, specie sui settori a nord del Po. Per quanto riguarda la nostra provincia invece qualche isolato temporale potrà formarsi nel pomeriggio di venerdì,  prima della definitiva ascesa termica che si paleserà a partire dal week-end. Per commentare cosa succederà tra la fine di questa settimana e la prossima ci serviamo di questa carta:
Schermata 2017-07-12 alle 21.50.30

Almeno per la prima metà della prossima settimana sembra confermato il caldo, grazie al cuneo di alta pressione ben incentrato sull’Italia; vi invitiamo però a soffermarvi sull’affondo perturbato presente nella carta soprastante in pieno oceano Atlantico; è proposto dai modelli ormai da qualche giorno e successivamente dovrebbe andare ad inserirsi nell’alta pressione sotto forma di goccia fredda e perturbata. Tale goccia potrebbe poi andare a condizionare il tempo anche sul nord-Italia. Come più volte vi abbiamo spiegato, l’individuazione dell’esatto percorso di una goccia fredda, rappresenta quanto più difficile ci sia per un modello matematico, data l’elevata imprevedibilità del sistema; se ci aggiungiamo la notevole distanza temporale a cui attualmente ci troviamo, ne risulta una previsione estremamente mutevole e che dunque poco si presta alla divulgazione. Vogliamo comunque non trascurare tale goccia fredda, in quanto se essa dovesse giungere sull’Italia potrebbe essere un’ottima arma per combattere il caldo, dati i temporali e i rovesci che essa potrebbe apportare. Vi invitiamo a seguire dunque i prossimi aggiornamenti per capire dove essa si dirigerà e se il caldo proseguirà!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti