Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

In questi giorni in molti ci stanno chiedendo quando arriverà finalmente qualche giornata di tempo stabile ed effettivamente, dopo molti articolo in cui annunciavamo tempo instabile e perturbato, possiamo cominciare a parlare anche del primo caldo ”serio” della stagione. Prima di arrivare a questo punto però, è necessario dedicare due parole al tempo che ci accompagnerà fino a mercoledì compreso: continuerà l’instabilità, con passaggi di temporali e rovesci, grazie agli sbuffi di aria atlantica da ovest. La giornata peggiore sarà molto probabilmente quella di martedì prossimo (22 maggio), quando i rovesci e i temporali si faranno più frequenti: tale passaggio perturbato comincerà indicativamente da domani sera, con i primi temporali in movimento da est verso ovest; ad essi seguiranno poi altri rovesci sparsi fino al pomeriggio di martedì; mercoledì invece sarà una giornata transizione, con ultimi focolai sparsi anche in pianura, ma soprattutto sui monti. 

Successivamente cosa ci attende? Come già anticipato da qualche articolo a questa parte, i modelli mostrano una nuova rimonta di alta pressione africana, con temperature in graduale aumento da giovedì prossimo:
Schermata 2018-05-20 alle 21.51.31

Questa volta infatti il caldo sembra arrivare davvero, con massime in graduale rialzo fino a valori oltre i 30 gradi nel week-end: a 850 hPa (1500 m circa) giungerà una +17/+18°C, che in pianura significa massime di almeno 30 gradi, ma a nostro parere tra sabato e domenica si potranno raggiungere anche i 32/33 gradi sulle aree di pianura piemontesi e sulla nostra provincia; tale rimonta di aria africana durerà fino agli inizi della settimana successiva, gli sviluppi appaiono ad ora poco chiari in quanto tutto rimane vincolato alla depressione indicata nella cartina soprastante dalla lettera ”B”: se essa infatti dovesse spostarsi leggermente verso est, il nord-ovest si ritroverebbe in un contesto favorevole a temporali molto violenti: l’aria calda e umida presente al suolo grazie all’anticiclone africano darebbe il via a contrasti netti con l’aria più fresca in arrivo da ovest, permettendo la nascita di temporali anche intensi e grandinate. Questa tendenza, trattandosi di una previsione a oltre 10 giorni, necessita comunque di ulteriori conferme nei prossimi articoli, dunque non perdetevi i nuovi aggiornamenti.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti