Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Negli ultimi due giorni abbiamo sperimentato un netto cambio d’aria, grazie ad un peggioramento del tempo con rovesci e temporali che hanno allentato la canicola africana. Ma cosa succederà con l’arrivo della nuova settimana? I modelli concordano per una fase di estate ”normale” o quasi, senza eccessi termici e con temperature in media o poco oltre.

L’anticiclone africano infatti dirigerà i suoi effetti verso il sud-Italia, dove si sperimenteranno temperature anche oltre i 40 gradi, mentre il nord-Italia rimarrà solo in parte influenzato da esso:

Dalla carta soprastante è facile osservare come le correnti atlantiche scorrano a nord delle Alpi, influenzando in parte il tempo sul Piemonte e la Vallèè; ancora una volta ci troveremo sulla linea di confine fra due masse d’aria differenti: anticiclone a sud, aria atlantica al di là delle Alpi.

Per tutta la settimana sperimenteremo una situazione di caldo moderato, con massime in pianura fin verso i 30/32 gradi, mentre le minime rimarranno comprese fra 15 e 18/19 gradi. Proprio grazie a questa situazione ”border line” non mancherà l’instabilità sui monti, con spesso rovesci e temporali nelle ore pomeridiane. Per quanto riguarda le aree a sud del Po, esse saranno generalmente protette dai venti di marino da sud, ma tra mercoledì e giovedì i temporali potranno spingersi anche su queste aree, grazie ad una blanda oscillazione perturbata.

Nel fine settimana le temperature potrebbero perdere qualche grado, grazie all’afflusso di correnti fresche da est, ma urgono conferme per questa evoluzione.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti