Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Avevamo già parlato del possibile cambio di marcia della stagione già nello scorso articolo, questa sera tuttavia siamo qui innanzitutto per confermare questa visione e per analizzarla in modo più dettagliato. L’autunno meteorologico sta per concludersi, lasciando spazio all’inverno e anche il tempo non sembra perdere tempo per adattarsi: proprio in queste ore una massa d’aria di origine artica sta affluendo da nord, favorendo un netto calo delle temperature, con valori che nella mattinata di domani (27/11) risulteranno ampiamente negativi, anche inferiori ai -5°C. La nuova settimana inizierà sotto un profilo piuttosto freddo, che proseguirà sino al prossimo week-end, grazie a continui affondi artici da nord, con temperature che alla quota di riferimento di 850 hPa (circa 1500 m) raggiungeranno anche i -7/-8 nella seconda parte della settimana. Il primo affondo artico sembra essere atteso nella giornata di mercoledì 29/11, anche se a causa della traiettoria piuttosto orientale non sarà in grado di attivare precipitazioni al nord-ovest, le quali date le temperature risulterebbero sicuramente nevose fino in pianura:
Schermata 2017-11-26 alle 21.37.02

L’affondo si paleserà con il transito di nubi innocue tra martedì e mercoledì, le quali limiteranno anche il calo notturno delle temperature; giovedì invece dovrebbe tornare nuovamente a splendere il sole e sarà proprio questa la giornata per le temperature minime gelide: per i dettagli vi consigliamo di visualizzare le previsione che saranno pubblicate di giorno in giorno, ma non sono da escludersi valori anche fin verso i -8/-10°C nelle località favorite dall’inversione termica; vi invitiamo tuttavia a considerare questi valori puramente indicativi e non precisi, in quanto tutto dipenderà della presenza di eventuali nubi nella notte, che limiteranno di molto il calo termico, aspetto che potrà essere determinato solamente il giorno precedente!

La previsione più delicata dell’articolo però riguarda un secondo affondo di aria artica previsto sul finire della settimana, tra venerdì e sabato prossimi, dunque a distanza temporale ancora considerevole. La sua traiettoria potrebbe risultare più occidentale rispetto al precedente, dunque in grado di innescare precipitazioni sul nord-ovest che, dato il freddo precedentemente affluito, potranno risultare sotto forma di neve anche in pianura sulla nostra provincia. La previsione però è ancora da definire e mutevole in quanto, oltre alla distanza temporale elevate, c’è in ballo un minimo di bassa pressione, la cui posizione inciderà in modo diretto sul peggioramento che potremo avere. Ci sono quindi possibilità per osservare la prima nevicata della stagione sulla nostra provincia, ma ci sono molti SE, ve li spieghiamo subito con questa immagine, in cui abbiamo indicato con 1 2 e 3 gli scenari possibili:
Schermata 2017-11-26 adddlle 22.04.07

  • con il numero 1 abbiamo indicato la previsione di questa sera, 26 novembre 2017, con un minimo di bassa pressione piuttosto orientale ma che potrebbe apportare qualche ora di nevicata in provincia.
  • con il numero 2 abbiamo indicato uno scenario migliore: nei prossimi giorni più la colata di aria artica sarà spostata verso ovest, e conseguentemente il minimo, maggiore sarà il peggioramento, con una nevicata opposta.
  • scenario opposto il numero 3, ovvero più il tutto sarà spostato verso est e minori saranno le possibilità di neve, fino ad osservare un altro peggioramento con solamente nubi, senza precipitazioni.

Una situazione del genere è dunque estremamente dinamica e difficile da prevedere, questa sera non vi possiamo assolutamente dare la certezza che nevicherà venerdì prossimo; si tratta semplicemente di aspettare qualche giorno e osservare come e dove questo minimo di bassa pressione sarà spostato. Lo faremo ovviamente insieme a voi con i vari aggiornamenti sui social e con il prossimo appuntamento di questa rubrica, atteso mercoledì alle 21.30/22.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti