Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Durante la giornata odierna (11 luglio) aria più fresca è affluita da est, favorendo un lieve calo delle temperature e dei tassi di umidità: l’esito è stato subito avvertito, con caldo più fruibile e afa decisamente minore; questa situazione meteo tuttavia non è destinata a durare, in quanto da venerdì è pronta una nuova fiammata dell’anticiclone africano. Assisteremo allo spostamento del suo baricentro verso nord, con temperature e umidità nuovamente in aumento sulla nostra provincia:
Schermata 2018-07-11 alle 21.54.59

Nella carta soprastante abbiamo indicato la situazione prevista per la giornata di sabato: come potete vedere l’anticiclone africano si è imposto nello scenario europeo, tuttavia vi invitiamo a notare anche il flusso atlantico indicato nella mappa, perchè sarà la chiave di lettura per lo scenario meteo previsto successivamente. Assisteremo si ad un aumento delle temperature, ma con buona probabilità anche in questo caso sarà temporaneo e non duraturo: l’estate 2018 è stata fino ad ora caratterizzata dall’assenza di potenti ondate di calore, come avveniva nelle precedenti già dai primi di giugno, quando le massime si spingevano agilmente sino a 35/37 gradi anche sulla nostra provincia. Non sono stati registrati infatti picchi di caldo degni di nota fino ad ora, ma le massime sono sempre rimaste intorno ai 30/33 gradi: questo va a favore di un caldo più sopportabile, anche se comunque opprimente per i tassi di umidità a tratti alti, ma ci teniamo a sottolineare come il mese di giugno abbia comunque chiuso con un netto sopra media di quasi +2°C rispetto alle medie storiche. Non fatevi dunque ingannare dall’assenza di ondate di caldo nette sino ad ora, perchè comunque l’anomalia positiva è presente, seppur minore rispetto agli scorsi anni.

Poco fa abbiamo parlato di caldo temporaneo: questa sera i modelli mostrano già a partire dalla giornata di lunedì 16 luglio un graduale abbassamento delle temperature, si passerà dai probabili 32/33 gradi del week-end a valori intorno ai 30 gradi; è previsto infatti un graduale aumento dell’ingerenza delle correnti atlantiche da ovest, che potranno regalare qualche temporale refrigerante durante la prima parte della settimana. Trattandosi di una tendenza, analizzeremo meglio questa previsione nel prossimo articolo a medio termine, la cui pubblicazione è prevista per domenica sera intorno alle 21.30/22.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti