Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Dopo i temporali e rovesci del week-end appena trascorso, le temperature torneranno a salire, grazie a una nuova ondata di caldo, che sulla carta appare come una delle più intense di questo 2017. Il dominio dell’anticiclone sarà netto e consentirà al più qualche isolato temporale/rovescio sui settori alpini:
Schermata 2017-07-31 alle 21.44.13 2

Le giornate di giovedì e venerdì prossimi saranno le più calde, con i modelli che mostrano valori fino a +24/+25°C alla simbolica quota di 850 hPa (circa 1500 m). In montagna lo zero termico sfiorerà i 5000 m, portandosi intorno ai 4800 m, mentre in pianura sulla nostra provincia si registreranno valori mediamente intorno ai 36-37 gradi, con punte superiori nelle zone favorite dall’orografia (ad esempio Nizza); non sono da escludersi anche picchi localmente fin verso i 40 gradi, specie nell’alessandrino. Ci aspetta dunque un periodo piuttosto caldo, anche se sulla nostra provincia non mancherà il marino, specie a sud del Tanaro, ad abbassare le temperature nella seconda parte della giornata. Per la previsione precisa sui picchi previsti di temperatura vi invitiamo a consultare le previsione che pubblichiamo giorno per giorno.

La domanda però che tutti ci pongono riguarda la fine di questo caldo o almeno quando si potrebbe avere un break più fresco. Questa sera abbiamo una data entro la quale potersi aspettare un cambio di circolazione, con aria più fresca. I modelli intravvedono un break con aria atlantica intorno al 7-8 dell’attuale mese, nell’aggiornamento di questa sera particolarmente severo, con temporali e rovesci intensi. Vi invitiamo comunque a dare il giusto peso a questa previsione, in quanto realizzata ad oltre 7 giorni e dunque suscettibile di molte variazioni. Il primo step sarà la conferma della data, seguite dunque i nostri aggiornamenti!

 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti