Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

In questi giorni, dopo alcuni episodi temporaleschi, le temperature sul Basso Piemonte sono tornate ad aumentare, con massime fin verso i 34 gradi e non è escluso che da domani possano essere toccati anche i 35 gradi in pianura. L’estate 2018 a partire dalla sua seconda metà ha saputo regalare a tratti temperature piuttosto alte, con alti tassi di umidità che hanno acuito il disagio fisico. Siamo comunque arrivati in un periodo dell’estate in cui le giornate cominciano ad accorciarsi e ciò dovrebbe aiutare il calo fisiologico delle temperature. Fino a venerdì 24 agosto circa il caldo si farà sentire dunque in pianura, con massime agilmente oltre i 30 gradi, mentre sui monti dominerà l’instabilità. Tuttavia questa sera, per coloro che soffrono il caldo, portiamo notizie positive: nel week-end è previsto il primo vero peggioramento con scambio meridiano di aria più fresca, che potrebbe contrastare per la prima volta l’estate 2018:
Schermata 2018-08-19 alle 21.56.36

Come potete vedere dalla carta soprastante un affondo di aria atlantica si concretizzerà a nord delle Alpi (rimangono ancora parecchi dubbi sulla sua traiettoria precisa), ma dovrebbe comunque consentire un marcato peggioramento del tempo su tutta l’Italia, con rovesci e temporali da ovest verso est. Anche le nostre province potrebbe osservare fenomeni, in particolare tra sabato e domenica. Ci teniamo a sottolineare come questo peggioramento possa essere assimilato ad uno di stampo autunnale, ad esso seguirà l’afflusso di aria fresca, con un calo della quota neve sulle Alpi, che per la prima volta si porterà al di sotto dei 2500 m, in particolari sui settori del nord-est Italia, più favorito dai peggioramenti in questo momento della stagione meteorologica.

Le temperature subiranno comunque un calo generale, fino a valori sotto la media per 1-2 giorni, successivamente tenderà nuovamente ad imporsi l’alta pressione dalla prossima settimana, con temperature in aumento fino a valori oltre la media e condizioni soleggiate.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti