Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Sono ormai parecchi articoli che il soggetto principale della previsione meteo è l’alta pressione, la quale durante il mese di ottobre che si sta per concludere ha dominato in modo praticamente continuo e incontrastato, con valori termici notevolmente oltre la media. La nuova settimana in arrivo si aprirà con l’afflusso di aria più fresca da est, dovuto ad un affondo di aria polare sui Balcani. Sul nord-ovest italiano tale affondo si paleserà con l’entrata di correnti nei bassi strati da est che fino a metà settimana causerà cieli spesso sporcati da nubi e nebbie nelle ore più fredde; il tutto sarà accompagnato chiaramente da un lieve calo termico. Da segnalare anche che a metà settimana un promontorio di alta pressione si posizionerà proprio sull’Italia:
Schermata 2017-10-29 alle 21.30.18

E’ facile intuire dai geopotenziali che tale alta pressione sarà piuttosto modesta, nonchè rapida nel suo spostamento verso est: si osserverà un leggero aumento termico, specie in montagna, mentre in pianura e nei bassi strati continuerà ad affluire aria da est, anche se proprio da metà settimana i contributi saranno via via meno importanti, favorendo un ripristino di condizioni più soleggiate, con nebbie e foschie limitate alle ore più fredde.

Nella cartina però trovate anche una parte cerchiata: si tratta di un debole affondo perturbato, che potrebbe condizionare il tempo del prossimo week-end; esso dovrebbe agire attirando dal flusso zonale principale, posto a nord della Gran Bretagna, aria atlantica più umida, garantendo un peggioramento del tempo, con possibili precipitazioni. Si tratta di una configurazione che potrebbe avere risvolti positivi anche per la nostra provincia, tuttavia a questo punto è necessaria una precisazione: inizialmente i modelli mostravano un buon peggioramento piovoso per il nord-ovest, mentre negli scorsi giorni il tutto è stato via via ridimensionato, riducendosi a precipitazioni piuttosto scarse. Lasciamo accesa ancora una piccola speranza di piogge per il prossimo week-end, non è detto che con i prossimi aggiornamenti il tutto possa essere rivisto in positivo, con precipitazioni degne di nota anche per la nostra terra, tanto bisognosa di acqua. Seguite i nostri aggiornamenti!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti