Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra naon vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Il peggioramento è confermato, da domani (giovedì 31 agosto) prende avvio la prima fase perturbata che ci proietta verso l’autunno! Sarà accompagnata da rovesci e temporali, oltre ad un calo termico piuttosto netto, che riporterà la temperature in media. La causa è da ricercare in un notevole affondo di aria fresca e umida di origine atlantica, che si sta dirigendo verso sud, proprio sull’Italia:
Schermata 2017-08-30 alle 21.32.30

Come sempre la maggior parte dei fenomeni si concentrerà a nord del Po, specie sulle Alpi, e data la notevole massa di aria calda umida presente in pianura, sono da attendersi fenomeni localmente intensi, con nubifragi e grandinate. Per quanto riguarda la nostra provincia, il tutto sarà attenuato, ma non mancheranno occasioni per precipitazioni: già domani, giovedì 31 agosto, saranno possibili i primi rovesci e temporali, specie a nord di Asti, mentre a sud del Tanaro i venti di marino limiteranno molto lo sviluppo dei temporali. La giornata più temporalesca dovrebbe risultare venerdì 1 settembre, con fenomeni probabili su tutti i settori, mentre sabato fresche correnti da nord riporteranno le temperature su valori accettabili: anche in questa giornata potranno svilupparsi locali focolai temporaleschi, anche se meno intensi. Da segnalare infine il ritorno della neve sulle Alpi, generalmente a partire dai 2500 m, una boccata di ossigeno per i ghiacciai, ormai duramente provati dal caldo senza sosta. Data la difficoltà nella previsione dei temporali, vi invitiamo a visionare le previsioni che pubblicheremo di giorno in giorno, in modo da consultare lo scenario più aggiornato; per le previsioni di domani CLICCA QUI.

Siamo dunque alle porte di un primo cambiamento, con la calda e afosa estate 2017 ormai in conclusione; anche nelle code dei modelli cominciano ad intravvedersi altri scenari perturbati per i giorni a venire: un nuovo impulso perturbato potrebbe giungere a metà della prossima settimana, ma data la distanza temporale è bene attendere ancora qualche giorno! 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti