Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

L’aria fredda da est è ormai arrivata, gli effetti sono stati percepiti da tutti, con un notevole calo termico (10 gradi in meno nelle massime) e nuove minime negative in pianura e bassa collina, oltre ad una ventilazione piuttosto sostenuta; i danni purtroppo sono stati notevoli, a causa anche dell’avanzato stato vegetativo delle piante, favorito dalla primavera estremamente mite. Negli anni passati si sono verificati episodi simili, ci teniamo a informarvi che abbiamo deciso di realizzare un articolo in cui oltre ai dati relativi all’ondata di freddo attuale, troverete anche cenni e confronti con episodi di freddo verificatesi negli anni passati; vi faremo sapere nei prossimi giorni l’effettiva data di pubblicazione. Un ultimo avviso: stiamo lavorando anche al resoconto dei fenomeni temporaleschi di aprile 2017, con l’analisi del temporale di sabato scorso, sarà online stasera o domani mattina.

Per quanto riguarda le gelate, registreremo valori negativi ancora per qualche giorno, in particolare la giornata di domani (20/04) farà registrare le punte minime dell’evento; nei giorni seguenti si osserverà un graduale aumento delle temperature, con minime negative che resisteranno ancora nelle valli e conche fredde della provincia almeno fino a sabato. L’aumento termico, che comincerà proprio dalla serata di domani, sarà causato da una nuova espansione verso est dell’alta pressione delle Azzorre, con temperature che fra sabato e domenica ritorneranno nuovamente oltre la media nei valori massimi:
Schermata 2017-04-19 alle 21.52.27

Le giornate saranno dunque gradevoli, fresche solo al mattino, con cieli sereni o poco nuvolosi, anche grazie alle correnti prevalentemente settentrionali. Tale aumento termico sarà comunque temporaneo, già da lunedì prossimo infatti nuove correnti fresche saranno più invadenti e tenderanno a scivolare verso l’Italia, anche grazie alla conseguente elevazione in pieno oceano Atlantico dell’alta pressione, come riportato nella carta che segue:
Schermata 2017-04-19 alle 21.52.36

Da questo momento in poi la situazione appare poco chiara, essendo ormai ad oltre una settimana di distanza temporale. Da qualche giorno i modelli propendono per il passaggio dell’aria fresca attraverso la valle del Rodano, ovvero a ovest dell’arco alpino: se così andrà avremo non solo un calo termico, ma anche precipitazioni, in quanto l’aria fredda interagendo con l’aria calda e umida del mare, potrebbe formare una depressione, con maltempo diffuso al nord-ovest. Ad ora è comunque doveroso usare il condizionale, poichè la situazione appare poco chiara. Vi daremo maggiori informazioni e conferme nei prossimi aggiornamenti!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti