Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

Ottobre sta per volgere alla conclusione e lo farà regalandoci due passate perturbate; la prima è attesa nelle prossime ore, seppur modesta, con fenomeni soprattutto sui settori appenninici e sull’alessandrino, grazie a correnti di libeccio che premieranno tali zone. Dopo un week-end con graduali schiarite, il secondo peggioramento è attesa lunedì, più diffuso e seguito da un afflusso di aria più fresca da nord, che riporterà le temperature su valori più consoni per il periodo:

Tale seconda passata vedrà un graduale calo della quota neve fin sotto i 2000 m, specie sui settori settentrionali, mentre dal punto di vista termico contribuirà ad un temporaneo calo delle temperature per qualche giorno. Potrebbe trattarsi tuttavia di una fase fresca solamente temporanea, perchè proprio a cavallo con novembre una poderosa risalita verso nord dell’alta pressione subtropicale potrebbe interessare il nord-ovest, con la classica estate di San Martino, seppur anticipata di qualche giorno; a tratti i modelli infatti vedono una fase piuttosto mite proprio tra fine mese e inizio novembre, soprattutto in quota, dove lo zero termico potrebbe portarsi ancora una volta oltre i 4000 m; in pianura gli effetti dell’anticiclone si avvertirebbero sicuramente in maniera minore, grazie al regime inversione sempre più forte. Prossimo appuntamento previsto mercoledì 28 ottobre alle 21.30/22 con tutti i nuovi dettagli.

 

CONOSCIAMOCI MEGLIO! Abbiamo creato un breve questionario da compilare per conoscerci meglio e capire come vi rapportate con la meteorologia:

    • 1-2 minuti di tempo al massimo per rispondere
    • completamente anonimo
    • non è richiesto inserimento di dati personali per partecipare

Per noi è molto importante e se parteciperete ci darete un grande aiuto! Grazie a tutti! 

Per rispondere al questionario CLICCA QUI.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti