Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importanza è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

 

TENDENZA 9 – 17 AGOSTO 2022

Dopo i violenti temporali dei giorni scorsi, le temperature sono tornate su valori più consoni per il periodo, grazie al ritiro verso sud dell’alta pressione africana. Bisogna però precisare che i valori rimangono ancora oltre la media del periodo, soprattutto per quanto riguarda le massime che si sono stabilizzate intorno ai 32-33°C (la media è di circa 30°C). Questo è un segno dell’assurdità climatica a cui siamo abituati e come le temperature comunque sopra media di questi giorni ci sembrino ”fresche”, rispetto ai valori di 37-39°C registrate negli scorsi giorni.

Nei prossimi giorni tuttavia assisteremo ad un lento e graduale ritorno dell’africano, il quale andrà a sostituirsi all’alta pressione delle Azzorre incentrata sull’Europa occidentale:

Dalle isoterme a 850 hPa si nota molto bene una massa d’aria calda che si eleva dal nord Africa verso l’Europa, corrispondente proprio all’anticiclone africano. Proprio in queste ore tale ondata di caldo sta interessando la Spagna principalmente e parte della Francia e nei prossimi tenderà a spostarsi verso est, arrivando a coinvolgere l’Italia nel week-end. Fortunamente però il transito di questa massa calda sarà piuttosto rapido sul nord-ovest e durerà fino all’inizio della prossima settimana. Il week-end di Ferragosto sarà il momento più caldo, con massime probabilmente fino a 35°C in pianura accompagnate da afa, mentre in montagna lo zero diurno si porterà ancora una volta ben oltre i 4500 m.

Grande punto di domanda invece a partire dal 16-17 agosto: i principali modelli cominciano ad intravvedere un poderoso affondo perturbato da ovest, che sarà in grado di portare un calo termico diffuso con rovesci e temporali. Cominciamo con l’avvisarvi di questo: se tale configurazione dovesse concretizzarsi, comincerete a leggere da parte dei soliti siti meteo spazzatura di ”break estivo” o ”fine dell’estate”. Ovviamente parlare di fine dell’estate a metà agosto è decisamente fuori luogo e sicuramente ci saranno nuove occasioni per caldo e afa, almeno fino a fine mese.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti