TENDENZA 19 – 27 AGOSTO 2023

Ormai lo avrete sentito un po’ dappertutto: è in arrivo un’intensa ondata di caldo africano che potrebbe far vacillare qualche record, specie sulle Alpi; mancano appena 12 giorni alla conclusione dell’estate meteorologia, eppure stiamo per fare i conti con una fase con temperature abbondantemente oltre la media del periodo e – udite, udite – zero termico superiore ai 5000 m. Avete letto bene, fino a pochi anni fa tale valore sembrava solamente una mera speculazione, eppure sempre più spesso si raggiungono valori simili, con i modelli che in riferimento a tale parametro hanno raggiunto il fondoscala per le giornate di domenica e lunedì, probabilmente le più calde. Non sarebbe così utopistico pensare che lo zero possa raggiungere anche i 5200-5300 m, dopo il record over 5100 m dell’estate 2022.

La causa di tutto questo è un robusto promontorio anticiclonico africano, con i massimi incentrati proprio su nord-Italia e Alpi; già nella giornata odierna, 18 agosto, le temperature hanno cominciato a crescere, ma sarà tra domenica e lunedì che l’alito diverrà rovente raggiungendo il picco:

Sino a martedì ci aspettano dunque giornate estremamente stabili, sia in montagna, sia in pianura; in quest’ultima i valori massimi si attesteranno diffusamente intorno ai 38/40°C a seconda delle zone, con picchi appunto fino a 40°C nelle aree maggiormente calde di Alessandrino e Astigiano, dove riuscirà a subentrare una maggiore compressione adiabatica. Pensate che il muro dei 30°C potrebbe essere sfondato in montagna anche fino a 1500 m su alcune aree, in particolare nel cuneese, mentre le minime nei centri urbani potrebbero faticare a scendere al di sotto dei +25°C.

Da metà settimana i valori potrebbero cominciare a calare di qualche grado, ma il vero break dell’estate potrebbe giungere in corrispondenza dell’ultimo week-end di agosto, quando i modelli mostrano una violenta fase perturbata con generale calo delle temperature e ricambio d’aria a tutte le quote. Tale dinamica resta comunque da confermare e ad oggi vi sono ancora grandi variazioni fra un’uscita modellistica e l’altra; cominciamo a precisarvi che sarà una rottura solo temporanea dell’estate perchè assai facilmente il caldo (probabilmente più contenuto inizialmente) potrebbe tornare con settembre.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti