Premessa: sempre più spesso le richieste delle previsioni del tempo superano la distanza temporale dei 2-3 giorni, spingendosi anche oltre la settimana. Proprio per questo motivo abbiamo deciso di creare una nuova rubrica dedicata alle previsioni del medio/lungo termine. Di fondamentale importante è ricordare che, trattandosi di previsioni e analisi a 7-10 e oltre giorni di distanza, la possibilità di commettere errori non è assolutamente trascurabile! Vi invitiamo a dare dunque il giusto peso a quanto troverete scritto, senza elevare a verità assoluta le nostre parole. Da parte nostra non vuole esserci alcuna presunzione, bensì la sola voglia di imparare e fornire sempre quel qualcosa in più, che possa aiutare chi ha pianificato una gita in montagna o al mare e anche coloro che in base al tempo decidono la propria giornata lavorativa, legata ad esempio all’agricoltura. Cercheremo dunque di individuare una possibile linea di tendenza per i giorni futuri, commentando le corse dei principali modelli matematici; gli articoli saranno pubblicati con cadenza regolare, indicativamente ogni mercoledì e domenica, in essi troverete informazioni generali, mentre per quelle specifiche (possibilità di piogge, temporali, nevicate, copertura nuvolosa e temperature) rimangono sempre online le nostre previsioni aggiornate quotidianamente, che trovate qui: LINK.

 

TENDENZA METEO 10 – 18 MAGGIO 2021

In questi giorni non si fa altro che parlare delle piogge in arrivo: si leggono di forti precipitazioni su tutto il nord a causa di una violenta perturbazione da ovest, ma andrà effettivamente così? Come vi dicevamo nello scorso appuntamento la risposta è no: in realtà ci saranno grandi differenze fra pianure e rilievi, come testimoniato dalla carta sottostante. 

Il poderoso affondo perturbato da ovest premierà soprattutto le Alpi e le zone subito a ridosso di esse, con precipitazioni intense e a carattere di rovescio in seno ad un costante flusso da S/SW; agli accumuli risulteranno abbondanti, con valori diffusi di 80-100 mm su tutto l’arco alpino occidentale e anche superiori ai 200 mm sui settori più esposti tra Valle d’Aosta sud-orientale e VCO:

Le nevicate rimarranno relegate oltre i 2000 m (a quote superiori rispetto a quanto ci si potrebbe aspettare in questo periodo dell’anno), con accumuli anche oltre il metro tra Rosa, Cervino e Gran Paradiso e VCO. Per quanto riguarda le pianure invece bisogna fare chiarezza: pioverà sì, ma non in maniera esagerata come molti siti lasciano intendere; i fenomeni si concretizzeranno soprattutto tra il pomeriggio/sera di lunedì e la giornata di martedì, ma senza accumuli eccezionali. La notevole differenza che si verrà creare è dovuta alle correnti molto intense in quota da S/SW prima e da SE poi, che porteranno le aree a sud del Po in parziale ombra pluviometrica, riducendo gli accumuli pluviometrici.

Mercoledì e giovedì è atteso un modesto miglioramento, seppur ancora con fenomeni sparsi, grazie alla persistenza della circolazione perturbata appena a ovest dell’Italia:

Un nuovo affondo perturbato potrebbe concretizzarsi tra venerdì e sabato, grazie ad una nuova ondulazione del getto perturbato da ovest. Si tratterebbe di una nuova occasione per precipitazioni su tutto il nord-ovest: la primavera pare si sia decisa a divenire la protagonista di questo maggio 2021, proponendoci un clima del tutto normale per questo periodo; maggio, insieme a novembre, rappresenta uno dei mesi più piovosi per le nostre aree e sarebbe anomalo fosse totalmente stabile e mite.

 

IMPORTANTE: è attiva la campagna 2021 di raccolta fondi per sostenere ed aiutare Dati Meteo Asti; se trovate utile il nostro servizio e volete sostenerci con un piccolo contributo, potete farlo in totale libertà; basta anche una piccola somma, l’unione fa la forza!

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Vai alla barra degli strumenti